Il progetto Urban Lab propone alla città di Rovigo un intervento di urbanismo tattico per un luogo fortemente sentito da tutti i Rodigini, teatro, per anni, di situazioni conflittuali e privo, oggi, di una propria identità: Piazza Merlin.

A seguito della rimozione del famoso chiosco, per lungo tempo oggetto di accese polemiche, Piazza Merlin è vittima, negli ultimi anni, di parcheggio selvaggio e di abbandono. La proposta è stata denominata /Fi:l/: un gioco di parole e fonetica che riprende i verbi To Feel – percepire, sentire con il tatto, sentire un'emozione – e To Fill – riempire, occupare spazio, colmare. /Fi:l/ vuole invitare i cittadini a riappropriarsi di uno spazio pubblico oggi poco valorizzato, restituendogli la propria funzione di piazza, di luogo di socialità, per adulti e bambini.

L'INIZIATIVA

Dopo una prima presentazione avvenuta con modalità on line nel marzo del 2020, oggi /Fi:l/ ha bisogno della partecipazione e del contributo dei cittadini: grazie alla collaborazione dell'Amministrazione comunale e alla partnership con “ROvigo REgeneration 2021, il 1° Festival di Arti Urbane Rigenerative”, il progetto atterra in piazza, con un evento che mira a coinvolgere grandi e bambini per ripensare insieme il futuro di questo luogo.

Venerdì 17 dalle ore 16.00
Sabato 18 dalle ore 9.30

Tutti i cittadini sono invitati a partecipare a momenti laboratoriali per approfondire il tema dell'urbanismo tattico e per ragionare insieme su possibili interventi per restituire a Piazza Merlin un ruolo centrale nella vita cittadina. A coordinare l'iniziativa, oltre al team del progetto Urban Lab, saranno presenti anche i ricercatori dell'Università Iuav di Venezia, punto di riferimento per pratiche di pianificazione partecipata.

L'URBANISMO TATTICO

L'urbanismo tattico è una pratica nata nell'ultimo decennio in Nord America, in via di espansione in numerose città in tutto il mondo. Parte dall’idea che progetti di piccola e piccolissima scala, a breve termine, a costo limitato e a basso contenuto di tecnicalità possano influire sulla qualità della vita urbana direttamente – modificando temporaneamente lo spazio pubblico - e indirettamente – orientando i decisori politici verso modificazioni urbane più radicali e durature.
Si basa sulla partecipazione attiva delle comunità locali, chiamate a proporre e realizzare soluzioni immediate ed economiche a problemi quotidiani di vivibilità dei quartieri attivando percorsi di micro-trasformazione condivisa di strade, marciapiedi, piazze e spazi residuali in luoghi pubblici liberamente fruibili.

Progetto grafico

In collaborazione con

Finanziato da

Progetto grafico

In collaborazione con

e con

Finanziato da